Bolivia: Denuncia la violazione dei Diritti dell’infanzia

25 giugno 2008

LA PAZ. La Defensoria del Pueblo, organismo di tutela dei diritti della società civile , si è schierato dalla parte dei minori abbandonati con una sentenza che denuncia due istituti del paese - Tata San Juan de Dios e Poconas -. Secondo il rappresentante della Defensoria, Ximena Davalos, i minori che vivono nelle strutture vedono calpestati, ogni giorno, i loro diritti fondamentali - diritto all’identità, alla dignità, alla famiglia – in quanto non ricevono le cure e i trattamenti che dovrebbe invece garantire ogni istituto.

bandiera_Bolivia

In particolare Davalos evidenzia che l’Hogar Poconas non presenta i parametri minimi dei Centri di accoglienza: scarseggia il personale, i neonati non ricevono le cure adeguate, i bambini rimangono da soli per intere giornate senza che nessuno si occupi della loro alimentazione. Per quanto riguarda l’Istituto Tata San Juan de Dios, la Defensoria del Pueblo ha ravvisato che è solo una persona a occuparsi del cambio dei pannolini, delle medicazioni e delle cure alimentari di venti bambini. La maggior parte dei bambini ospitati, poi, risulta essere “invisibile” poiché non sono stati registrati alla nascita, non è stato definito il loro status giuridico e quindi vedono svanire qualsiasi possibilità di essere adottati.

 

FONTE: quotidiano boliviano “Correo del Sur”